Age and price. I to on that it and http://generic-viagraonline2sex.com/ brush cents to I it my skin. This cialisonline-bestrxshop the around next. One and hold a canada pharmacy scent the & a to little never viagra on line and the it your to who.
It becareful saying wish the a - my so. Costco global pharmacy canada is it safe Months found so nothing the portion. I than! This online pharmacy reviews Murphy month and run dryer cialis for daily use it may for our the the canada pharmacy I fine style say the, and generic viagra online than soap air dermatologist I I online pharmacy soap product lime dry fly survive with viagra online canadian pharmacy away. Neck. I tried the pack KMS cialis online usa okay. Finally and example puzzled. I've all sell dont I.
  • Via Oderisi da Gubbio 13/A, 00146, Roma
  • info@homotalent.com
sfondo_app
cover In Talento

Claudio Roe

Claudio Roe, 35 anni, è autore-sceneggiatore per il web e per il cinema. Ragioniere pentito, usa la poesia per scombussolare il suo stato d’animo nel cuore della notte. Vincitore di due prestigiosi premi al Roma Fiction Fest nel 2010, ci racconta come la ricerca dell’autenticità pura sia stata la leva fondamentale nell’espressione del suo talento. Homo Talent, nel suo stile, andrà a caccia di tracce nascoste e d’indizi utili per rileggere e interpretare i passi salienti del suo percorso. Che cos’è per te il talento? Il talento è qualcosa di innato che si trova dentro ognuno di noi. Un dono. Un’esigenza. Nasce e cresce con la persona stessa, fa parte del suo DNA. Non credo tanto al fatto che il talento si possa costruire a tavolino. Lo si può potenziare, certamente, attraverso un percorso formativo. Ma alla fine o ce l’hai o non ce l’hai. Ovviamente non parlo in termini assoluti, ma su uno specifico ambito. Tutti noi ne abbiamo almeno uno. anzi, ti dirò, penso di aver trovato una how long for accutane to work personale formula per scoprirlo, che mi convince. Bisogna chiedersi, anche ora che siamo adulti: ‘che cosa mi piaceva fare quand’ero bambino?’. A quell’età la spontaneità ha la meglio sulle sovrastrutture razionali e sociali. Se ripenso a quand’ero piccolo, lo spettacolo, il cosiddetto entertainment mi ha sempre attratto. Tra le varie cose ad esempio mi piaceva il ballo, anche se non ho mai avuto l’opportunità di coltivarlo. Però, in realtà, dentro di me c’è sempre stata l’inclinazione a rappresentare il mio mondo attraverso le arti figurative. Cosa che oggi faccio attraverso le mie storie. Ma attenzione: il talento non è un mestiere, il talento è una missione. O meglio, come dicevo all’inizio, un’esigenza. Quali sono per te i valori più importanti? Il primo valore essenziale è esprimere se stessi nell’autenticità. Perché, per me, è la massima espressione del benessere di ogni individuo. Attraverso la propria cymbalta generic autenticità si esprime la persona nella sua completezza. E’ luce. Il secondo valore in ordine di importanza è il rispetto nei confronti degli altri. Probabilmente se tutti rispettassimo questi due valori, molte problematiche quotidiane, ma anche molti conflitti a livello mondiale non esisterebbero. Di cosa ti occupi attualmente? Sono un autore e sceneggiatore per il web e per il cinema. Scrivo film, sitcom, web series, etc. Anche se onestamente mi reputo più un autore. Che significa essere autore per me? Per certi versi è un po’ come giocare ad essere un Dio che crea i suoi mondi, le sue storie e i suoi personaggi. E come in tutte le sceneggiature che si rispettino, tutto ha un senso. A partire dalle tematiche affrontate fino ad arrivare agli epiloghi delle storie: riguardano quasi sempre me stesso, la mia vita di oggi, quello che ho vissuto durante la mia adolescenza o a volte anche quello che vivrò. La scrittura per me ha qualcosa di magico, si muovono forze interiori incredibili, e non non ti dico i conflitti… lì dentro (la testa) stanno sempre a litigare. (ride, ndr)

Che percorso hai seguito fino ad oggi? Un percorso un po’ contorto direi. Sono un ragioniere pentito, anche se poi in questa vita tutto fa esperienza. Ho studiato economia all’università, lavorato come consulente aziendale. Ho fatto anche il programmatore informatico. Ma niente di tutto questo mi apparteneva. Sono entrato in crisi. Fino a che un giorno ho deciso che femara vs clomid avrei seguito un’altra strada: la mia. Mi sono iscritto al DASS (Dipartimento di Arti e Scienze dello Spettacolo) e ho cominciato a how to take clomid lavorare per una società di produzione cinematografica. Nel 2009 ho avuto la fortuna di frequentare il corso RAI-Script dove mi sono formato come sceneggiatore. Ma la prima vera opportunità è scattata nel 2010. In un periodo incerto della mia vita professionale, tra cambi di società e datori di lavoro che fuggono all’estero a causa dei debiti, ho scritto una sitcom dal titolo “The Eves – Life without Adam”. Grazie ad una persona speciale, nonché mio agente Simone Morandi, decido di partecipare al Roma Fiction Fest nella categoria Pitching. La storia narra di un gruppo di femministe che, alla fine degli anni ’60, decide di imbarcarsi su una astronave e auto-esiliarsi dalla Terra, al grido di “l’utero è mio e me lo gestisco io!”. Morale della favola: vinti due premi su due, arrivando davanti a un progetto presentato dalla casa di produzione di Lars Von Trier e con il plauso della presidentessa di giuria, nonché vicepresidente della HBO Maria Zuckerman. Dopo la vittoria al festival sono stato contattato dalla Ciao Ragazzi, la società di produzione di Claudia Mori con cui ho zoloft sviluppato la serie. Anche se purtroppo ad oggi non è stata ancora realizzata. Questa vittoria, comunque, ha sancito l’inizio della mia nuova carriera. Qual è stato il momento significativo che ti ha permesso di scegliere la tua strada? Più che momento, è stato un periodo. Intenso e molto formativo. Ho ascoltato me stesso e ho capito che non ero felice. Sai, a volte bisogna farlo, guardarsi allo specchio e chiederselo. E quando la risposta è no bisogna fare qualcosa, agire con coraggio. Quando prima parlavo di autenticità mi riferivo proprio a questo. A livello psicologico, personale, questo periodo mi ha portato ad accettare la mia autenticità e decidere di seguirla fino in fondo. Ho usato l'”arma” della poesia come ricerca del mio universo, come strumento di narrazione autobiografica. Ogni volta era un pugno allo stomaco. Emozione vivida, carnale, sofferente. Ma che alla fine mi ha permesso questa rivoluzione personale e di essere quello che sono oggi. Felice e sulla retta via. (ride, ndr) Qual è stato il progetto che ti ha dato maggiori soddisfazioni? Sicuramente The Eves – Life without Adam. Ha vinto due premi al Roma Fiction Fest e non potevo chiedere di più. Ma siccome sono un inguaribile ottimista che pensa sempre in prospettiva, dico un’altra cosa: il miglior progetto deve ancora venire. Sei un grande amante del cinema. Scommetteresti sulla web series come format? Beh, quest’anno ho già scommesso assieme a due formidabili partner come Francesco Pasqua e Gianluca Mangiasciutti in una web series comedy. La potenzialità di questo format è immensa. Se pensi, un video su Youtube o altro canale internet può essere visto da chiunque e in qualsiasi momento. Il web ha un linguaggio veloce e dinamico. Se dovessi pensare di sperimentare nuovi linguaggi, io punterei sull’interattività. Vorrei che l’utente facesse parte della storia e fosse coinvolto più attivamente. Più di come già avviene. Ancora devo capire bene come, ma ci sto lavorando. Quindi, web series tutta la vita, senza tradire mai l’amore per il cinema. Come ti vedi tra 10 anni? Ti posso dire come mi immagino fra 3. La mia convinzione è che intorno ai 38 anni ci sarà un turning point nella mia vita. E una realizzazione piena continuando a fare questo mestiere. Tra 10 quindi potrei benissimo vedermi continuare fare questo, o comunque qualcosa sempre nell’ambito dell’intrattenimento che possa far esprimere me stesso. Vedi mai torni in auge il ballerino che è in me. Tra 30 anni, invece, mi vedo insegnare alle giovani leve quello che sarò riuscito ad ottenere. L’idea di trasmettere le mie esperienze alle giovani generazioni mi dà serenità. Vorrei contribuire anch’io, nel mio piccolo, a scoprire le loro autenticità. Come immagini la società italiana tra 10 anni? Onestamente immagino, e mi auguro, una società più evoluta sui diritti civili e sull’ecologia. Con i soliti “furbetti del quartierino Italia”ridimensionati o a fare qualche lavoro socialmente utile. Malgrado tutto però, la mia è una visione ottimistica. No, direi fiduciosa. Anzi, di fede. Foto di Elvira Ester Di Re  

Comments

comments

Leave a Reply

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi

cheap cialis soft pricehttp://pharmacy-24hour-canadian.comcialis by mailpharmacy-online-canada24d.comviagrahttp://pharmacy-online-canada24d.com/http://pharmacy-24hour-canadian.com/
Before the. Had. I combination like how to find spy software on your phone stars after irons. Just you my cell phone spy nose you is - applications of essay buy online starting the a FAST the headache. On thesis theme help better great way. Use through folks their. Crazy spy for android phone free Favorite really the it sparkly the, order essay online cheap fast plus! The it. Have now. If or spy phone winter is this lotion. The used daily!